Food Design Manifesto

Food Design Manifesto

a cura della Commissione Food dell’ADI (Associazione per il Disegno Industriale)
dicembre 2014, integrato a novembre 2017 con l’11° punto
DEFINIZIONE

Food Design è la progettazione degli atti alimentari (Food Facts), ovvero l’attività di elaborazione dei processi più efficaci per rendere corretta e gradevole l’azione di esperire una sostanza commestibile in un dato contesto, ambiente o circostanze di consumo. Il Food Design prende in analisi i motivi per i quali compiamo un atto alimentare per meglio comprendere come progettarlo e soddisfare in maniera adeguata l’esigenza dell’utente. Il Food Design si occupa di prodotti edibili, comunicazione, packaging, servizi e luoghi legati alla vendita e al consumo di cibo.

Il Food Design in Undici Punti

1. Il Food Design si occupa di progetto in campo alimentare.

2. Il Food Design è una specifica area del progetto che si propone di produrre soluzioni efficaci per la fruibilità del cibo in precisi contesti e situazioni.

3. Il Food Design si propone di dare forma alle interfacce e ai servizi nel modo più adeguato alle circostanze in cui il prodotto viene consumato.

4. La producibilità e la serialità di un prodotto o di un servizio sono le condizioni per le quali un progetto può definirsi di Food Design.

5. I principali criteri ai quali un prodotto edibile di Food Design deve sottostare sono: porzionabilità, modularità e formato adeguati al contesto e agli strumenti con i quali verrà consumato.

6. Un progetto di Food Design è realizzato per offrire un servizio ad una o più persone che manifestino determinati bisogni o per rendere più efficace un’azione legata al cibo attraverso uno strumento derivato dal progetto.

7. Food Design significa progettare secondo le modalità tipiche del Design che, ben oltre la ricerca puramente formale o decorativa, implicano la ricerca per l’innovazione dei processi di produzione, distribuzione, consumo.

8. Il Food Design è uno strumento privilegiato e particolarmente efficace per la riqualificazione e la promozione del Territorio attraverso la sua ricchezza enogastronomica.

9. Il progetto di Food Design, per le sue peculiarità legate alla nutrizione, può rientrare nell’area del Social Design e contemplare collaborazioni con enti e associazioni no-profit.

10. Un prodotto di Food Design viene studiato con l’unico scopo di generare benefici al suo Utente. Tutto il processo deve interagire per impedire che l’utente sia esposto a rischi derivati da cattiva progettazione o dalla non adeguata attenzione alle norme di conservazione, alla tecnologia produttiva, all’ergonomia e alla microbiologia legata agli alimenti.

11. Il Food Design per l’infanzia progetta con responsabilità etica particolare e attenzione ai processi evolutivi. Progetta artefatti ed atti alimentari che contribuiscono a rendere il contesto e la circostanza dell’esperire una sostanza alimentare un’opportunità formativa sia in ambito collettivo che famigliare. Progetta per far acquisire autonomia e consapevolezza attraverso esperienze culturali, conoscitive ed emozionali, nel rigoroso rispetto della sicurezza e dell’identità. (novembre 2017)

Vai al sito dell'ADI

Sottoscrivi il Manifesto

Sottoscrivi anche tu!

Food Design

Sottoscrivi il Manifesto Food Design!
Subscribe The Food Design Manifesto!

[signature]

215 signatures

Condividi con i tuoi amici:

   

Hanno già sottoscritto

215CHIARA RICCIDic 11, 2018
214Valerio TrentaniDic 11, 2018
213IVANA CARMEN MOTTOLADic 05, 2018
212Carlo MarcheseDic 04, 2018
211Tiziana Amicuzi Dic 02, 2018
210sabrina de federicisNov 24, 2018
209Alessia AloisiNov 22, 2018
208Claudia NardiNov 19, 2018
207Cristiana Carletti Nov 17, 2018
206Jennifer VokounOtt 26, 2018
205Tiziana CarrinoSet 10, 2018
204Barbara Zoleo Set 09, 2018
203Dalia ValdezSet 07, 2018
202David GiulianiSet 05, 2018
201Leonardo CrosatoAgo 30, 2018
200Mariah LeiteMag 21, 2018
Food Design Manifesto